Notizie dal gruppo di lettura GDL (47°)

25 maggio 2010

Il gruppo di lettura ha deciso di affrontare, così senza rete, un mostro sacro della letteratura drammatica internazionale: William Shakespeare , l’opera scelta: “Sogno di una notte di mezza estate”.

Alcuni hanno trovato problematica la lettura di un testo teatrale, lo scandire dei personaggi li distraeva dal tema narrativo e, così come avere lo spartito senza l’orchestra, non hanno nemmeno concluso la lettura.

Per chi già conosceva Shakespeare è stato piacevole rileggerlo e commentarlo insieme. Abbiamo constatato la modernità del pensiero dell’autore, ad esempio la figura della donna che prende in mano il suo destino e si emancipa rispetto al volere del padre-padrone. Alcuni più esperti ci hanno aiutato a collocare Shakespeare e il suo teatro nel suo tempo, così ci siamo trovati nell’Inghilterra elisabettiana tra commercianti e braccianti che per 1 penny andavano ad emozionarsi, in piedi o seduti sulle panche, in affollati e polverosi teatrini di Londra.

In Sogno di una notte di mezza estate, sono stati individuati tre livelli a cui corrispondono mondi diversi : quello reale (Ippolita e Teseo), quello incantato (Oberon e Titania), e quello della finzione (i teatranti), l’autore ricorre al mondo incantato delle fate e degli incantesimi per dimostrare l’illusorietà dell’amore… quello cieco…

L’opera è stata paragonata al Romeo e Giulietta, ma in versione lieto fine, dove gli ostacoli vengono rimossi e il gioco degli equivoci e delle coppie sbagliate si risolve e possono ritornare al loro posto

Per il prossimo incontro fissato per il 22 giugno è prevista la partecipazione di un gruppo di scrittori “Progetto Calliope” che hanno sottoposto i loro racconti alla lettura del gruppo e che, pazientemente, si faranno commentare. Sempre per rimanere in tema di racconti, il gdl leggerà inoltre una raccolta di Eraldo Baldini: Gotico rurale

Chi fosse interessato può chiedere in biblioteca o telefonare allo 051940064 o scrivere a [email protected]

Buone letture a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*